Tabelle Millesimali

La determinazione del valore di ciascun piano o porzione di piano viene richiesta con lo scopo di stabilire, gestire e ripartire i diritti sulle parti comuni condominiali

Nell’ambito condominiale si sente parlare spesso di tabelle millesimali, poiché accanto a quella principale, la tabella di proprietà, che esprime il valore della proprietà in relazione alle parti comuni, esistono altrettante tabelle quanti sono i servizi in comune, come l’ascensore o il riscaldamento.

L’articolo 68 delle disposizioni per l’Attuazione del Codice Civile detta che:

“Il valore proporzionale di ciascuna unità immobiliare è espresso in millesimi in apposita tabella allegata al regolamento di condominio.

Nell’accertamento dei valori di cui al primo comma non si tiene conto del canone locatizio, dei miglioramenti e dello stato di manutenzione di ciascuna unità immobiliare.”

Quali tabelle millesimali ci sono?

Innanzitutto le possiamo dividere in:

  • Millesimi di proprietà, che esprimono il diritto di proprietà di ogni condomino sulle parti comuni, regolamentate dal Codice Civile;
  • Millesimi d’uso, determinano il contributo da versare per la gestione di altre spese condominiali.

Per determinare i millesimi viene utilizzato il Valore di Mercato.

A che servono le tabelle millesimali?

  1. A stabilire il diritto di ciascun condomino sulle parti comuni dell’edificio, che in ottemperanza all’art. 1118 del Codice Civile è proporzionale al valore dell’unità immobiliare del quale è proprietario;
  2. Ripartire le spese condominiali, ordinarie e straordinarie, che si rendono necessarie per la conservazione per il continuo godimento delle parti comuni del condominio;
  3. Costituire l’assemblea condominiale e controllare la validità delle delibere.

Revisione delle tabelle:

Definita dall’articolo 69 delle disposizioni per l’Attuazione del Codice Civile, la revisione può essere richiesta anche nell’interesse di un solo condomino, previa maggioranza in assemblea prevista dall’articolo 1136 del Codice Civile.

In che casi posso revisionare le tabelle millesimali?

  1. Quando risulta che sono conseguenza di un errore;
  2. Quando, per le mutate condizioni di una parte dell’edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o diminuzione delle unità immobiliari, è alterato per più di un quinto il valore proporzionale dell’unità immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il relativo costo è sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione.

Quali tabelle ci sono:

Tabella A – Millesimi di proprietà

Tabella B – Manutenzione delle scale

Tabella C – Manutenzione dell’Ascensore

Tabella D – Riscaldamento centralizzato

 

A queste 4 tabelle verranno aggiunte ulteriori tabelle per la gestione della spesa, ad esempio quella relativa al portierato.

RICHIEDI INFORMAZIONI



error: Content is protected !!